martedì 7 novembre 2017

Il talento e come metterlo al servizio degli altri (Scrap4Smile)

Il talento o c'è o non c'è. L'esercizio è fondamentale, come in ogni cosa.
L'esercizio aiuta a migliorare, a perfezione e a capire.
Serve lo studio e il tempo dedicato a ciò che crediamo sia la nostra "dote".
Serve pazienza e sacrificio. Servono anche notti insonni per chi di giorno tempo non ne ha.
Ma la cosa più difficile è scoprire il proprio talento e vi assicuro, ciascuno di noi ne ha più di uno.

Il problema è che dovrebbero scrivere un manuale su "Come fare a capire quale è il proprio talento".

Per capirlo io credo "si debbano provare tante cose e tanti modi", inventarsi anche nuovi modi per fare le cose, cercare nuovi percorsi inesplorati, perché credo che ci sia ancora tanto da scoprire. Uno che ha talento non ha problemi a "buttarsi", a cercare nuove vie, a fare scelte coraggiose.







E sto pensando a ciascuna di voi che sta leggendo, alcune hanno già dato ampia prova delle proprie capacità. Ma ce ne sono tante che rimangono "nascoste" che hanno paura di non essere all'altezza.
Di qualsiasi cosa si parli abbiamo cominciato tutti da zero, quindi non serve farsi problemi.

E se sono una talentuosa (non è il mio caso) e vedo un lavoro di una persona che ha appena cominciato non lo criticherò perché ho cominciato anche io da li: sono passata anche io da esperimenti e incavolature, da fogli buttati e colori accozzati. Se non parti non arriverai mai.

E qui è il punto. Il talento da solo non basta.
Il talento se tenuto solo per te non fa di te una persona migliore. 
Cosi trovo incredibilmente arricchente condividere le proprie conoscenze e permettere ad altri di crescere. Trasmettere passione per quel che si fa. Qualcuno di voi lo fa benissimo.

Mi è capitato di ricevere dei consigli preziosi. Mi sono stati sottolineati i punti deboli dei miei lavori e anche quelli di forza. Ed è su quelli deboli che devo assolutamente lavorare. E quelli di forza che devo condividere. Sono tenuta a condividere.

E sul tema condivisione oggi voglio proprio ringraziare Scrap4smile e la sua iniziativa:

"Il valore profondo dei piccoli gesti, il desiderio di trasformare una propria passione in un gesto di cura, sono i mezzi che hanno dato vita al progetto “Và dove ti porta il naso”.
Tre ragazze, La Michi, Mirabilia e Sake Burake: 2 claun di corsia e una scrapper….
Il nostro desiderio è di portare una carezza, un gesto semplice che possa arrivare al cuore e aprire ad un’emozione positiva, le persone che stanno affrontando un duro e faticoso percorso di cura dalla malattia oncologica o ematologica.  Abbiamo visto che – insieme alle cure tradizionali, quelle che curano nel corpo – potevamo prenderci cura della sua anima con piccoli gesti dedicati e delicati.
Noi vogliamo arrivare alle nostre persone care con oggetti, album, percorsi sensoriali, kit emozionali, realizzati dalle splendide mani e dalla dirompente creatività delle ragazze del gruppo Scrap4smile. E vogliamo che sia la leggerezza profonda e delicata dei volontari Claun di corsia a recapitare al personale ospedaliero dei reparti di Oncologia ed Ematologia dell’Ospedale di Udine queste bellissime creazioni. Sembrano oggetti e cose banalmente materiali, ma nascono dall’Amore di tutte le Scrapper e i Claun di corsia che aderiscono a questo Progetto, ciascuno con il proprio contributo.
Ci unisce il credere fortemente che un gesto pensato sia un balsamo per l’anima. Non abbiamo pretese infondate se non, attraverso questi oggetti, simbolicamente “dare un bacio sulla fronte” al nostro papà, alla nostra mamma, a quell’amica sorella d’anima che ha affrontato le stesse sfide di chi ora sta combattendo una malattia oncologica o ematologica e che noi vogliamo raggiungere con un dono. "

Vi chiedo di parteciapare numerose. Per arrivare al cuore non si deve essere perfette.

Silvia

Ecco le mie card per il progetto. Mandatene tante!!!!!!!!





3 commenti:

  1. "si debbano provare tante cose e tanti modi", inventarsi anche nuovi modi per fare le cose, cercare nuovi percorsi inesplorati, perché credo che ci sia ancora tanto da scoprire".... questo è il sacro gral la tua strada aspetta di essere battuta .... #sallo!!!

    RispondiElimina
  2. Bellissimo articolo Silvia! E' bello leggere che chi ha piu' esperienza non dimentica da dove è partito. Personalmente ho iniziato a fare cards da pochi anni e senza tutta una serie di materiali a disposizione. Magari non saro' al livello di altre creative (sicuramente con piu' esperienza e naturalmente dotate), ma di certo non manca il cuore e tanta tanta pratica :-) Per quando riguarda Scrap4smile, credo sia un'iniziativa fantastica e appena posso mando quasi tutte le cards che creo :-)

    RispondiElimina