martedì 26 giugno 2018

Conoscersi.

Questa mattina parlavo con una amica al telefono e ribadivamo quanto fosse importante conoscersi. Nel bene e nel male. 



Per Scrap2days abbiamo dovuto preparare un progetto per presentarci e ho provato a mettere le mie caratteristiche principali, quelle che credo io, che non è detto corrispondano a quello che pensano gli altri. Per tanti motivi.

Un po perché è già difficile conoscere se stesse, figuriamoci arrogarci il diritto di conoscere un altro.

Un po perché qualcuno non si vuole svelare completamente, oppure fa vedere solo una parte di sé. Per scelta. Per timidezza.

Francesca (!) mi ha detto che lei è così. E non è un problema suo se poi qualcuno non la capisce.

Vorrei tanto riuscire a vivere anche io cosi. Invece gli altri mi toccano ancora tanto. Troppo.

Invece è proprio chi perde tempo con te, per capirti e ascoltarti ed esserci costante tutto che merita il nostro tempo.

Conoscersi… quanto è difficile

Anche se ci crediamo buone, non lo siamo sempre.
Anche se ci crediamo forti, non lo siamo sempre.
Anche se ci crediamo amiche, non lo siamo sempre.
Anche se ci crediamo stupide, non lo siamo sempre.
Anche se ci crediamo brutte, non lo siamo sempre.

Siamo un universo di colori e di caratteristiche. Siamo il colore, ma ci sono anche giornate di grigio e nero.

Siamo tutto e il contrario di tutto e non possiamo mai essere sicure di come ci comporteremo finché non viviamo NELLA situazione.

Io per esempio ho capito di non essere forte.
Ho capito anche di non essere orgogliosa, perché a volte pur di tentare di salvare una situazione ho fatto anche cose che non avrei pensato.
Ho capito quali sono i miei limiti e ho capito che per “stare meglio” devo evitare certe situazioni e certe persone.
Ho capito che a volte non basta avere amiche che ti amano per stare meglio, ma che quando ti spronano lo fanno per farti aprire gli occhi.
Ho capito che il mondo va avanti anche se faccio ciò che voglio io, quindi non devo per forza rinunciare alle cose. E che le cose possono andare male anche se io faccio di tutto perché non sia così.
Ho capito che posso accettare di avere crisi di ansia. E che non è una colpa far fatica.
Ho capito che non è solo colpa mia se sono accadute cose brutte o tristi.
Ho capito che preferisco vedere le cose belle e sottolineare quelle, anche se ci sono tante cose discutibili.
Ho capito che io preferisco la verità e che le bugie mettono tristezza. Ma che qualcuno proprio non ce la fa ad essere sincera.
Ho capito che la parola data è una cosa importante, ma che a volte si può anche dire “non ce la faccio”.
Ho capito che crescere dei figli è una fatica immensa e che sono una mamma imperfetta. Eppure essere mamma è una delle cose che ha dato un senso alla mia vita.
Ho capito che sono noiosa e barbottona. Eppure qualcuno accetta anche questo.
Ho capito che essere testona è un difetto, ma a volte è anche un pregio.
Ho capito che sono lunatica e che a volte mi devo allontanare dalla confusione.
Ho capito che mi piace ridere e scherzare e fare la buffona. Ma che poi ricordo i momenti di condivisione vera, di lacrime divise e di sorrisi amari più delle cretinate.
Ho capito che si può amare tanto una persona eppure essere cosi stanchi da non riuscire a dimostrarglielo.
Questo post è per te, amore mio, che conosci e sai chi sono e hai la pazienza di starmi vicino nonostante tutto.
E per te Elena che hai taaaaaaaaaanta pazienza... ma poi la perdi anche ne.

Silvia









Silvia

8 commenti:

  1. mi piace il LO e mi piace quello che hai scritto qui!

    RispondiElimina
  2. ehmmmmm, chissà se predico bene e razzolo male...mi sa di sì.
    Comunque, il lo mi piace tantissimo, e il tuo post anche! Io a conoscermi non sono brava...e ammetto che negli ultimi tempi rifuggo tantissimo l'introspezione, guardarmi dentro mi fa paura o comunque mi mette in soggezione.
    Però capire i propri limiti e accettare quelli della vita significa allo stesso tempo guardare oltre ed avvicinarsi alla serenità emotiva tipica della consapevolezza, significa apprezzare tutto in maniera genuina.
    E la parola "limite" sembra sempre negativa ma invece davvero non lo è.....

    RispondiElimina
  3. Ehhhh... io ne ho tanta di pazienza... e se la perdo a volte, la perdo perché è un modo di volere bene.... e perché a volte perdere la pazienza può aiutare ad “aprire gli occhi” ❤️

    RispondiElimina
  4. Che bello il LO 😍 ma lo scritto di più 😉

    RispondiElimina
  5. Profonde come sempre le tue parole.

    RispondiElimina
  6. Amo sempre quello che scrivi e il tuo LO è molto bello

    RispondiElimina
  7. Mi immergo come sempre nelle tue emozioni che condivise con tanta delicatezza si fanno mie e mi commuovo

    RispondiElimina
  8. Una meraviglia.. i tuoi post.. che mettono nero su bianco sensazioni, emozioni e pensieri.. cosa che in pochi riescono a fare.. e ti ringrazio perché spesso mi ritrovo in quello che scrivi..
    Una meraviglia.. il tuo layout.. una meraviglia.. tu!!!

    RispondiElimina